Gurdulù, l’arrivo del cavaliere bianco 

Santo Spirito, animo bianco della città, è una sorta di serraglio che ancora oggi conserva uno spaccato di vera Firenze. Con le sue botteghe artigiane, i mercatini, i locali ed i personaggi da collezione si respira un’aria bohémienne che resta nel cuore, come tutte le cose vere.

E’ in questo caleidoscopio colorato di angolini pieni di magia che troviamo Gurdulù.

https://fugadafirenze.files.wordpress.com/2016/09/d8d7d-ilcavaliereinesistente.jpg

Subito blasone della buona cucina e del buon bere, subito evidente la deliziosa cura dei dettagli. In parole chiave, la prima dovrebbe sicuramente essere questa: dettagli.
Essenziale. Un menù semplice che varia con un occhio alla stagione, corredato da una piccola enciclopedia per scegliere il vino. Vino.
Non pensate però di cadere peggio se preferite un cocktail, anche in questo campo sono fra i migliori della zona. Cocktails.
Uno di quei posti in cui si sta meglio che a casa propria. L’ambiente intimo, la corte sul retro e la luce soffusa. Candele.
Tranquillità. Scivolate fuori dall’atmosfera caotica della piazza per rifugiarvi qui e non ve ne pentirete. Via delle Caldaie si salva dalla bolgia incurante come oltre un immaginario spartitraffico. Un piccolo incantesimo.
Bianchi. Frequentazione al bianco e di figure fantasmagoriche di ogni tipo, in un quartiere dove la tradizione del calcio in costume è sentita forte è chiara.

… e dopo tutto, avete già pensato a chi era Gurdulù?

gurdu.PNG
instagram: @gaiamargot_

Forse il più ingenuo e trasognato personaggio del Cavaliere Inesistente di Italo Calvino, presente ed ormai irrinunciabile ma collegato alla realtà in modo tutto suo. Eccolo, il fil rouge.

 

La pagina ha il suo bene solo quando la volti e c’è la vita dietro che spinge e scompiglia tutti i fogli del libro. La penna corre spinta dallo stesso piacere che ti fa correre le strade. Il capitolo che attacchi e non sai ancora quale storia racconterà è come l’angolo che svolterai uscendo dal convento e non sai se ti metterà a faccia con un drago, uno stuolo barbaresco, un’isola incantata, un nuovo amore.

                                                                                                                             Il Cavaliere Inesistente

 

2 Comments

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...