Sabato è Giostra!

Giostra del Saracinoindex. Ad Arezzo bastano queste tre paroline magiche per far si che tutto si fermi.. almeno per una settimana! Diciamo la verità non si ferma proprio tutto tutto.. ma quello che succede è che gli animi si infiammano di un “antico ardore”.. e ogni buon aretino che si rispetti si prepara al grande evento: la Giostra.  Succede un paio di volte l’anno, il penultimo sabato del mese di giugno (Giostra di San Donato) in notturna e la prima domenica del mese di settembre (Giostra di settembre) diurna. C’è un grande lavoro dietro.. si parla di una rievocazione medievale del XIII secolo, tutta in costume con un sacco di persone coinvolte di tutti i ceti sociali. Chiaramente quelli che sentono di più il Saracino sono quelli che vivono dentro le mura.. nella città vecchia. Lì il folklore arriva alle stelle.. e veramente la Giostra diventa l’unico argomento di cui si sente parlare una settimana prima e una settimana dopo l’evento. Ma veniamo ai dettagli.. Si tratta di un’antica competizione cavalleresca che affonda le sue origini nel Medioevo e che consiste nel colpire un bersaglio, posto sullo scudo del Buratto (un automa girevole che impersona il “Re delle Indie”), con un colpo di lancia al termine di una veloce carriera a cavallo. Il tutto senza farsi colpire dal mazzafrusto, imbracciato dal Buratto stesso, il quale viene azionato da un meccanismo a molla. A scontrarsi ci sono due giostratori per ogni quartiere. I quartieri sono quattro (Santo Spirito, Sant’Andrea, Porta del Foro e Porta Crucifera) e ognuno ha diritto a fare 2 carriere (una per giostratore). Il punteggio 220px-CartelloneGiostraSaracinova in base a quale parte dello scudo del re delle Indie viene colpita.. e alla fine delle carriere viene confermato il punteggio ottenuto. Più bello a vedersi che a dirsi. In piazza assolutamente. Alla tv non rende nello stesso modo. Da non perdere neanche le sfilate che vengono fatte durante il giorno della giostra prima dell’ingresso in Piazza Grande. Lo spettacolo degli sbandieratori imperdibile. Pronti ad entrare nello stargate e ritrovarvi nel medioevo? Allora guardate di fare un salto ad Arezzo nel finesettimana. Solo un consiglio.. scegliete da che parte stare! In base al colore.. a quello che volete.. ma prendete una posizione e sostenete il quartiere che avete scelto! Venerdì sera ci saranno le cene propiziatorie in ogni porta con delirio di cibo e musica. Poi sabato è Giostra!

Carriera_del_Cavaliere_di_Porta_del_Foro.JPG

 

421191_407931049221103_833102405_n.jpg

SABATO 18 GIUGNO 2016
131ma edizione

Programma

Ore 07,00 – primo colpo di mortaio
Ore 10,30 – ritiro da parte dei Fanti del Comune e dei Valletti della Lancia d’oro dal Duomo
Ore 11,00 – secondo colpo di mortaio annunciante l’uscita dell’Araldo
e l’ inizio della lettura del Bando della Giostra alla popolazione. Al
suono del campano della torre civica, il corteo muove dal palazzo dei
priori sostando nei seguenti punti:- Basilica della Pieve, Piazza S. Michele,
incrocio Corso Italia, Via Roma, Piazza S. Francesco.
Ore 19,00 – Terzo colpo di mortaio. Benedizione dei Giostratori e degli
armati dei Quartieri:
Porta Crucifera : Chiesa di Santa Croce, Porta del Foro Chiesa di San Domenico;
Porta S. Andrea : Chiesa di S. Agostino;
Porta S. Spirito : Chiesa di S.Antonio (Saione).
Ore 19,30 – Ritrovo di tutti i figuranti in Piazza S. Domenico
Ore 20,00 – Quarto colpo di mortaio. Inizio del corteo per raggiungere il Duomo percorrendo Via Sassoverde e Via Ricasoli.
Ore 20,15 – Benedizione impartita dal Vescovo sul sagrato del Duomo, accompagnato dalle insegne guerriere trecentesche del vescovo Guido Tarlati.
Ore 20,30 – Sfilata del corteo storico per raggiungere Piazza Grande, percorrendo Via Ricasoli, Via dei Pileati, Corso Italia, Via Roma, Piazza G. Monaco, Via G. Monaco, Piazza S. Francesco, Via Cavour, Via Mazzini, Via Borgunto.
Ore 21,30 – Quinto colpo di mortaio. Ingresso in Piazza Grande degli Sbandieratori della Giostra e loro esibizione;
Ingresso del corteo storico, al suono di trombe e rullo di tamburi:
– Ingresso dei gonfaloni con gli emblemi della Città, del Comune, del Popolo di Arezzo e di quelli di parte Guelfa e Ghibellina;
– Ingresso degli armati dei Quartieri e degli otto giostratori;
– Ingresso dei cavalieri di Casata, rappresentanti l’antica nobiltà e loro schieramento sulla lizza;
– Lettura della disfida di Buratto da parte dell’Araldo. Saluto degli Armati al grido di Arezzo. – Esecuzione dell’Inno del Saracino da parte dei Musici.

Prima serie di carriere contro il Saracino, seconda serie ed eventuali carriere di spareggio.
– Consegna della Lancia d’Oro al Quartiere vincitore da parte del Sindaco di Arezzo.
– Te deum di ringraziamento del Quartiere vincitore in Cattedrale.

 

stemmi-dei-quartieri2

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...